AvANa.net
AvANa.net's home page > news > jet-net > hacker art

hacker art

L'HACKER ART porta all'estremo il concetto di arte aperta: essa si realizza attraverso la libera diffusione, creazione, manipolazione di informazione determinando cosi' un fluire orizzontale e incontrollato di dati digitali.

Chi patecipa al processo si trova ad essere inserito in una rete di contaminazioni e manipolazioni creative, con la possibilità di determinare, attraverso la propria azione spontanea, l'evento artistico.

L'HACKER ART è quindi paragonabile ad un virus, che si sviluppa dinamicamente attraverso i nodi della rete, determinando la progressiva contaminazione degli elementi coinvolti nel processo creativo ed essendo a sua volta perturbato da essi.

L'opera d'arte, attraverso la possibilità di manipolare e riprodurre immagini all'infinito attraverso il digitale, si fa quindi un processo aperto sempre in corso, lasciato all'improvvisazione spontanea dei partecipanti. Come negli happening del gruppo Fluxus, attraverso le reti telematiche tutti diventano contemporaneamente fruitori e produttori di informazione, e, in questo senso, l'HACKER ART si manifesta come una forma di scambio aperto fra gli individui, come una forma di comunicazione slegata da componenti spettacolari o verticistiche. Per questo l'HACKER ART va considerata anche una forma di arte oppositiva, che esula dai meccanismi propri della società dello spettacolo attraverso cui l'informazione si trasforma in merce.

Tommaso Tozzi definisce cosi' l'HACKER ART:

Hacker Art come forma propositiva e non distruttiva di democrazia dell' informazione e della comunicazione. Hacker Art come definizione di una soglia entro cui l'operazione virtuale e l'operazione reale si scambiano indistintamente i ruoli mantenendo stabile la gestione e lo scopo dell'atto trasgressivo. Hacker art come forma di lotta per le liberta' sociali. Hacker Art o Arte Subliminale come lotta contro le definizioni, contro i ruoli e le etichette della cultura ufficiale, contro le pratiche pubblicitarie sulle apparenze, contro la manipolazione delle cose e del reale tramite il linguaggio. Hacker Art o Arte Subliminale come pratica anonima, contro la nominazione quando usata come strumento degli interessi economici delle multinazionali; contro le stesse definizioni di Hacker Art e Arte Subliminale strumentalizzate dalla cultura ufficiale. Cio' che interessa rimane solo la 'pratica' clandestina, il resto sarà solo merce di scambio o rumore in favore di tutto ciò che si muove contro il sistema del potere culturale.
L'HACKER ART non si realizza quindi attraverso la creazione di prodotti artistici oggettuali, ma trae origine da pratiche reali individuali e collettive, finalizzate a dare vita a reti di relazioni fra gli individui, messi cosi' in connessione attraverso una forma di comunicazione realmente libera. Il territorio in cui lottare appare cosi' quello in cui, attraverso l'azione di potentati economici, si genera un limitante controllo sull' informazione, causando un progressivo accentramento e livellamento di materiale comunicativo.

In questo senso e' necessario battersi per garantire a tutti indiscriminatamente l'accesso all'informazione e la libertÓ di comunicazione, dando vita a contesti interattivi in cui sia possibile esprimersi liberamente e senza vincoli.

________Text By T_Bazz
 

© 2002-2005 AvANa.net all right free
versione del 12 marzo 2005
manotenente